Il caso del tentato suicidio a Monreale e quelle frasi d’odio sui social

Quello che emerge da qualche commento pubblicato sui social è una sorta di cinismo

0

“Buttati”, “Ancora non si è buttato?”, “Portatelo al manicomio e buttate le chiavi”. Sono alcuni dei commenti pubblicati sui social alla notizia del monrealese che ieri ha minacciato il suicidio gettandosi dal balcone. Per ore,  l’uomo, monrealese, ha tenuto impegnati numerosi Carabinieri, Vigili del fuoco e Operatori del 118.

Dopo una estenuante trattativa, l’uomo ha desistito dal commettere l’insano gesto. Non sarebbe nuovo a tentativi simili e si tratta di una persona che evidentemente soffre di alcuni problemi. Aldilà della notizia di cronaca che abbiamo riportato però emerge un fatto che ha lasciato l’amaro in bocca a tanti. Quello che emerge da qualche commento pubblicato sui social è una sorta di cinismo e, passateci il termine, una orrenda forma di cattiveria. Non di rado, infatti, avviene che un fatto di cronaca si trasformi in occasione di derisione, scherno, incitamento all’odio.

Nel caso particolare del fatto di cronaca di ieri, abbiamo assistito a offese gratuite, indirizzate ad una persone che soffre. È del tutto evidente che la persona che ha minacciato il suicidio per l’ennesima volta ieri stia attraversando un periodo delicato e necessiti di attenzioni da parte delle autorità. Ciò però non giustifica affatto le offese, gli inviti a “buttarsi giù”, o frasi del tipo: “tanto un si ecca“. Frasi dette dietro a una tastiera ma che per chi sta attraversando un dramma simile potrebbero pesare come un macigno. Insomma, invitare un concittadino a gettarsi dalla finestra dovrebbe essere un fatto inaccettabile, che rasenta quasi un reato perseguibile.

Si sa, quelle che passano sui giornali appaiono come storie lontane da noi, che non ci toccano da vicino. Eppure ieri quell’uomo era lì, seduto sul suo balcone di casa, in preda alla sofferenza. Intanto qualcuno da una tastiera lo invitava a buttarsi. E nel giorno della Memoria pensare che ci sarebbe qualcuno che ride dietro al dramma di un uomo in difficoltà, fa davvero riflettere: qualcosa proprio non sta funzionando.

Monreale, uomo sale sul balcone e minaccia il suicidio

SEGUICI SU FACEBOOK
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.