MonrealeLive.it
Giornale Online di Monreale

Sostegno ad aziende dissequestrate, proposta di Legge all’Ars di Caputo

Il politico monrealese ha presentato un progetto di legge da proporre al Parlamento nazionale

Una legge per sostenere le imprese dissequestrate e sostenere l’occupazione. La proposta è di Mario Caputo, deputato regionale di Forza Italia all’Ars.

Il politico monrealese ha presentato un progetto di legge da proporre al Parlamento nazionale, ai sensi dell’Art.18 dello Statuto Regionale, recante disposizioni per l’istituzione di un fondo di solidarietà presso il Ministero del Tesoro, in favore delle imprese confiscate alla criminalità organizzata e dissequestrate.

Scopo dell’iniziativa è quello di sostenere le aziende dissequestrate con provvedimento irrevocabile, che versano in grave situazione economica e finanziaria, tale da rischiare la chiusura definitiva dell’attività. Il fondo prevede l’erogazione di contributi in favore di soggetti che esercitano attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o comunque economica.

Secondo la proposta di Caputo, l’erogazione dei contributi a fondo perduto e non pignorabile avverrebbe tramite speciali istituiti bancari. Gli stessi dovrebbero essere accreditati su conti con vincolo di destinazione. L’importo del contributo è commisurato all’effettivo danno patito dall’impresa.

“Molte realtà imprenditoriali – dice l’azzurro – anche dopo il dissequestro, faticano a mantenere operativa la propria attività. Tale situazione determina gravissime ricadute non solo per l’economia, ma anche per l’occupazione. Il pericolo infatti è che dopo il provvedimento di dissequestro, l’imprenditore chiuda l’attività, con la conseguente perdita di posti di lavoro e aumento della disoccupazione. Ciò è già stato accertato da una casistica varia. Non c’è dubbio che le misure di sequestro e confisca rappresentano un importante strumento di contrasto alla criminalità organizzata, ma è necessario sostenere le aziende dopo il dissequestro, proprio per evitare il fallimento e le conseguenze occupazionali”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.