MonrealeLive.it
Giornale Online di Monreale

Monreale conferisce plastica “nobile”, arrivano certificazione Ecorek e contributi

Un risultato che consentirà al Comune di ricevere il contributo che viene riservato agli enti virtuosi dal consorzio Co.Re.Pla.

La plastica dei cittadini monrealesi supera tutte le prove e al comune di Monreale viene assegnata la certificazione Ecorek.

La buona notizia è giunta questa mattina dalla piattaforma che rappresenta uno dei principali riciclatori italiani di rifiuti in plastica. Un riconoscimento che testimonia l’impegno dei monrealesi nel miglioramento della qualità della raccolta differenziata.  La piattaforma Ecorek certifica, infatti, che la frazione conferita dal comune di Monreale, non solo è nobile ma anche estremamente pulita. Un risultato che consentirà all’amministrazione Arcidiacono di ricevere pienamente il contributo che viene riservato agli enti virtuosi dal consorzio Co.Re.Pla.

“É un risultato importante – commenta l’assessore ai Rifiuti Totò Grippi -, in quanto in passato il nostro Comune è sempre stato sanzionato a causa di notevoli impurità. Questo ci spinge sempre più verso una gestione ottimale del ciclo di vita dei rifiuti”. Un plauso ai cittadini virtuosi che collaborano nella raccolta differenziata, che ha consentito di ottenere questo risultato, è stato rivolto dal sindaco Alberto Arcidiacono che ha anche espresso appezzamento per la ditta Ecolandia e “per gli operatori che svolgono un servizio con grande professionalità”.

Intanto arriva una piccola modifica al calendario della raccolta in occasione del Primo maggio

L’amministrazione comunale invita i cittadini a voler collaborare in questi giorni alla raccolta differenziata poiché in occasione della prossima festività del Primo Maggio, la raccolta di alluminio e vetro prevista inizialmente come da calendario a giorno 1 slitterà a lunedì 3 maggio. Gli operatori ecologici della ditta Ecolandia non effettueranno il servizio.

SEGUICI SU FACEBOOK
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.