MonrealeLive.it
Giornale Online di Monreale

Monreale, il sindaco ordina la pulizia dei terreni, “Vietato bruciare dal 15 giugno”

La Polizia Municipale, i Carabinieri, le Guardie Forestali e i VV.F dovranno vigilare sulla esecuzione del provvedimento

Gli incendi sono già iniziati e il sindaco di Monreale, Alberto arcidiacono, firma l’ordinanza che impone la pulizia dei terreni privati e il divieto d’innescare incendi dal 15 giugno. L’ordinanza è stata firmata ieri dal primo cittadino “accertate le gravi condizioni igienico sanitarie, derivanti dal totale abbandono in cui versano gli appezzamenti di terreno di proprietà privata, ricadenti nel territorio comunale, infestati da vegetazione spontanea che provoca la proliferazione d’insetti”.

Il sindaco ravvisa anche la necessità e l’urgenza di promuovere ogni azione tesa all’annullamento di ogni causa in grado d’innescare fenomeni incendiari e la necessità di assicurare la pulizia di detti terreni, al fine di eliminare ogni prevedibile pregiudizio per la pubblica incolumità, prevenendo fenomeni di autocombustione e inconvenienti di carattere igienico sanitario.

Ai proprietari di terreni in stato di abbandono, ubicati in tutto il territorio comunale, viene ordinato di provvedere urgentemente, a propria cura e spese, per la relativa pulizia, diserbamento e bonifica. “Durante il periodo 15 Giugno – 15 ottobre 2021, – si legge nell’ordinanza – è vietato l’abbruciamento di stoppie, frasche, cespugli, residui di colture agrarie e di altre lavorazioni, di pascoli nudi, cespugliati o alberati e incolti. E’ vietato gettare dai veicoli o abbandonare sul terreno, fiammiferi e materiale. I conducenti di automezzi dotati di marmitta catalitica dovranno evitare le fermate del mezzo a caldo in prossimità di luoghi ove sono presenti accumuli di materiale infiammabile”.

L’Amministrazione si riserva di attivare sistematici controlli circa gli adempimenti, si legge ancora nell’ordinanza sindacale, che prevede anche sanzioni per i cittadini che non la rispetteranno. Per la mancata pulizia delle aree incolte da € 25,00 a € 500,00, per la mancata pulizia delle aree incolte interessanti fronti stradali di pubblico transito da € 169,00 a € 679,00. Per la mancata pulizia delle aree incolte, da rifiuti vari ivi presenti o depositati da € 105,00 a € 620,00 e per procurato incendio nel periodo 15 Giugno – 15 Ottobre,
da € 1032,00 a € 10.329,00.

La Polizia Municipale, i Carabinieri, le Guardie Forestali e i VV.F dovranno vigilare sulla esecuzione del provvedimento.

SEGUICI SU FACEBOOK
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.