MonrealeLive.it
Giornale Online di Monreale

Stop al 30% per costruire nuove case, ok della Regione, il sindaco: “Avevamo visto giusto”

La concessione edilizia in zona Vl non necessiterà più della cessione del 30% ma adesso il Comune potrà anche fare cassa

Via libera al Comune di Monreale all’abolizione della cessione del 30% del terreno per l’ottenimento di una concessione edilizia in zona Vl. È arrivato il parere favorevole dell’Assessorato regionale al Territorio.

Il provvedimento, approvato nel settembre 2020, dal Consiglio comunale monrealese, diventa dunque operativo in forza al sì dell’assessorato che ne certifica la bontà. Secondo gli uffici regionali di via Ugo la Malfa la cessione del 30% può essere annullata e la variante al Prg può diventare operativa.

Soddisfatto il sindaco Arcidiacono per la notizia ricevuta dall’assessorato che ha dato ragione al Comune. “Avevamo visto correttamente”, commenta il primo cittadino.

La concessione edilizia in zona Vl non necessiterà più della cessione del 30% ma adesso il Comune potrà anche fare cassa, vendendo i circa 1300 appezzamenti di terra accumulati nel corso dei 40 anni in cui è stato obbligatorio cedere il 30%. Molte aree acquisite sono considerate dall’Ufficio Tecnico come aree prive di utilità e interesse. I fondi saranno venduti con valore di verde agricolo e avranno diritto di prelazione i vecchi proprietari.

Al costo della vendita del terreno potrebbe essere applicata un’ulteriore riduzione del prezzo che può arrivare fino al 50%. I terreni che torneranno ai privati non potranno essere utilizzati per fini edificatori e non faranno cubatura.

SEGUICI SU FACEBOOK
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.