Monreale, aprire o no la scuola? Arcidiacono a vertice con tutti i sindaci siciliani

0

MONREALE – Le scuole rischiano di riaprire già da domani a Monreale come in tutta la Sicilia. È questa la decisione della Task Force regionale che si è appena conclusa. Nonostante le rimostranze dei sindaci, dei presidi, dei sindacati, la decisione è stata presa. La scuola aprirà il 13 gennaio in linea con quanto disposto dal governo nazionale.

Ok, la decisione, è stata presa ma ancora la parola fine alla questione non è ancora stata messa. Sì, perchè è appena iniziata una riunione tra i sindaci siciliani che non ci stanno a riportare i ragazzi in classe, esponendoli ai contagi e favorendo così l’aumento dei positivi. Anche il sindaco di Monreale, Alberto Arcidiacono, partecipa al vertice con i suoi colleghi siciliani. Nei giorni scorsi il primo cittadino monrealese si era detto contrario alla didattica in presenza, dichiarandosi pronto a firmare anche un’ordinanza se la Regione avesse deciso per la ripartenza.

Dopo il rinvio dei giorni scorsi ora però la Regione sarebbe stata messa alle strette dal governo di Roma, decidendo per la ripartenza senza ulteriori rinvii. “Attendiamo per adesso, ci sarà la riunione tra tutti i sindaci della Sicilia. Al termine daremo aggiornamenti sulla riapertura delle scuole a Monreale”. Questo dice il sindaco monrealese a MonrealeLive.

A protestare contro la ripartenza del 13 gennaio ci sono anche diversi dirigenti scolastici e sindacati. “Tornare a scuola già domani è un gravissimo errore. È assurdo sperare di diventare zona arancione o rossa per tenere chiuse le scuole. Ciò vuol dire auspicare un incremento delle degenze in terapia intensiva”. Lo dice il segretario della Flc Cgil Sicilia, Adriano Rizza, a margine della riunione della task force sulla pandemia tenutasi stamani. “Non lo diciamo solo noi che bisogna ritardare il ritorno a scuola – aggiunge – ma anche la comunità scientifica, nonché autorevoli esperti come lo stesso consulente del Ministero della salute, il professor Ricciardi”.

Rispondi