Strage di cani, avvelenati in 8 tra cui un cucciolo

I responsabili, se individuati, ora rischiano da 3 mesi a 18 mesi di reclusione

0

Strage di cani a Partanna, in provincia di Trapani. Durante la vigilia di Pasqua alcuni cani di quartiere che non avevano mai dato fastidio a nessuno sono stati barbaramente avvelenati. Si tratta di otto cani di cui un cucciolo. Gli animalo erano regolarmente seguiti da tutor sul territorio e proprio uno di questi ultimi ha fatto la macabra scoperta.

“Chi ha commesso questa carneficina lo ha fatto in barba alla legge e soprattutto al buon senso. Gli animali sono tutelati dalla legge e da qualche tempo la loro tutela è diventata un caposaldo anche della Costituzione italiana – dice Patrick Battipaglia dirigente regionale del Partito Animalista-. Chi ha commesso questa barbarie va subito identificato e punito”.

I responsabili, se individuati, ora rischiano da 3 mesi a 18 mesi di reclusione o una sanzione amministrativa da 5.000 euro a 30.000 euro. “Abbiamo appena fatto una denuncia in Procura contro gli autori di questa strage, ovviamente – conclude Patrick Battipaglia – ci costituiremo parte civile nell’eventuale processo”.

Il Partito Animalista ha anche chiesto al Sindaco di Partanna d’istituire immediatamente la figura del Garante degli animali. “A fronte di questa immane tragedia – spiega Cristiano Ceriello – è necessario che il sindaco, che ai sensi della legge 15/2000 è il responsabile degli animali sul territorio, faccia il possibile per salvaguardare la tutela degli animali sul territorio comunale. E’ necessario che faccia il possibile per individuare gli autori di questa orrenda strage ma, soprattutto, istituisca al più presto la figura del Garante degli animali. E’ una figura che va istituita a titolo gratuito ma è fondamentale in ragione di quanto successo a Partanna. Il Garante degli animali è una figura di raccordo sul territorio tra volontari, associazioni e cittadini. Dal canto nostro saremo i primi a sostenere questa nuova figura per il comune di Partanna, di cui pensiamo i cittadini che amano gli animali ne sentano ormai l’esigenza. A tal proposito – conclude Cristiano Ceriello – abbiamo appena protocollato una lettera indirizzata proprio al primo cittadino di Partanna”.

Rispondi