A Monreale sarà installata la “Panchina della Pace”, venerdi 16 Dicembre 2022 alle ore 10, presso la sede di Presidenza del Parlamento della Legalità Internazionale , in via Venero, davanti al monumento dei Caduti.

L’installazione sarà in memoria dell’Ambasciatore Italiano Luca Attanasio, vittima di un agguato criminale nella Repubblica democratica del Congo. L’iniziativa gode del Patrocinio gratuito del Comune di Monreale. Attesi tanti studenti e diversi sindaci della provincia di Palermo e non solo. Sarà presente alla inaugurazione il papà di Luca, Salvatore Attanasio, collaboratore di presidenza del Parlamento della Legalità Internazionale da tempo, il quale il quale lancerà un forte messaggio per chiedere “Verita’ e Giustizia” per la morte del figlio Luca.

Lo staff di Presidenza avendo informato per l’evento il Presidente della Camera dei deputati, ha ricevuto una telefonata di apprezzamento per l’iniziativa dalla Terza Carica dello Stato il quale ha inviato da Montecitorio una Targa quale segno di rappresentanza e apprezzamento per l’evento. Protagonisti saranno gli studenti che da tempo, dai banchi di scuola, curano un messaggio di Pace e di fraternità.

La Panchina della Pace, è un dono fatto al Parlamento della Legalità Internazionale dallo scultore siciliano Giuseppe Cortese di Custonaci (TP). Sarà presente anche una delegazione del Parlamento della Legalità Internazionale dal Cairo. dove due anni fa è stata inaugurata l’Ambasciata della Fratellanza.

Un messaggio di plauso e di incoraggiamento è stato inviato dal Presidente Onorario del Parlamento della legalità Internazionale ai giovani che interverranno dal già Questore di Palermo Renato Cortese, oggi Direttore dell’Ufficio Centrale Ispettivo del Ministero dell’Interno.

Seguici su Facebook
Articolo precedenteRecord di differenziata a Monreale, arriva il riconoscimento di Legambiente
Articolo successivoI talenti monrealesi si mettono in mostra al Circolo Italia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui