“Sul poliambulatorio si intervenga immediatamente e si evitino disagi per i cittadini più deboli e già colpiti dai problemi per cui si rivolgono al poliambulatorio”, lo dice Tonino Russo già deputato nazionale del PD.

“Ricordiamo che nei mesi prima delle elezioni regionali il neo deputato Marco Intravaia annunciava la possibilità di realizzare “Una casa di comunità nei pressi del poliambulatorio di Monreale”. Questo intervento, come tanti altri, è finanziato nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) dal precedente governo nazionale. Ovviamente, non si faceva cenno al governo nazionale e invece si aggiungeva un’altra notizia, di cui non si ha riscontro documentale. Si parlava di: “Struttura con 10/15 ambulatori, una trentina di medici e una decina d’infermieri H/24 (a tempo pieno)”. “Infine il solito ringraziamento di Intravaia: “Ringrazio il governo regionale e l’assessore Razza per la consueta sensibilità verso i cittadini e i territori…” “Tali dichiarazioni – continua Tonino Russo – oggi suonano come una odiosa beffa. Anche il tentativo di mettere le mani avanti non risolve assolutamente il problema”.

“Anzi, invece di avvicinare la sanità ai cittadini e lasciare a Monreale i servizi già esistenti, questi vengono in dispregio allontanati e portati a Palermo con evidenti aggravi e disagi per l’utenza. Per ciò mi chiedo: A chi dovremmo ringraziare oggi per questo torto che pagheranno i cittadini più deboli?”.

Infine, la stoccata conclusiva verso il sindaco d Russo: “Tutto ciò avviene nel silenzio assordante del sindaco, Alberto Arcidiacono, come se la cosa non riguardasse lui, la nostra città e i cittadini tutti”.

Seguici su Facebook
Articolo precedenteDipendenti del Poliambulatorio da Monreale a Palermo, Zuccaro, “Temo tempi non brevi”
Articolo successivo“Asp sta solo riorganizzando i servizi, per Russo eravamo i migliori, ora ha cambiato attegiamento”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui