contatore free

Monreale, scoperta una targa in memoria di Geppino Pupella

Cerimonia in Aula Consiliare a Monreale

0

Monreale – Questo pomeriggio è stata scoperta una targa in ricordo dell’assessore Geppino Pupella dal sindaco Alberto Arcidiacono e dal presidente del Consiglio comunale Marco Intravaia, nella Sala Consiliare del Comune di Monreale. Alla cerimonia erano presenti i familiari, tra cui la moglie Teresa e i figli Gaetano, Francesco, gli assessori e i consiglieri comunali.

Geppino Pupella, ingegnere elettronico e dirigente Telecom, dove ha ricoperto la carica di direttore delle sedi di Palermo, Catania e regionale, è stato una figura di spicco nella politica monrealese. Fino agli ultimi giorni della sua vita ha lavorato con grande impegno nella giunta Arcidiacono, dove grazie alla sua grande esperienza professionale e politica ha sempre dato un importante contributo nell’amministrazione della città. Oggi una sala gremita di consiglieri, amministratori e amici gli ha reso ancora una volta omaggio con grande affetto.

“Un padre amorevole – ha ribadito i presidente Intravaia – con il quale ho avuto l’onore di collaborare . Una persona appassionata della politica che cercava sempre il dibattito e il confronto con il sorriso sulle labbra . Tanti sacrifici e tanti obiettivi raggiunti“. Al ricordo dell’assessore Pupella sono intervenuti i consiglieri Giuseppe La Corte, Santina Alduina, Fabio Costantini, Francesco La Barbera, Davide Mirto, Angelo Venturella, Giuseppe Lo Coco. A chiudere gli interventi il sindaco Alberto Arcidiacono che rivolgendosi ai presenti ha detto: “Ho avuto l’onore di condividere una parte importante della mia vita. Geppino è stato un faro importante depositario di tanti segreti che ha accompagnato me e tanti altri della mia generazione in un momento difficile e lo ha fatto con grande umiltà. E’ stato uno degli uomini più importanti della mia vita e oggi mi manca tanto. Mettere una targa in questo luogo servirà a tutti coloro che passeranno da qui e a ricordare che Monreale ha avuto un grande figlio”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.