contatore free

Vittoria del Comune di Monreale contro BFF Bank: revocata ingiunzione da 30mila euro

Il Tribunale ha accolto le argomentazioni della difesa, rappresentate dall’avvocato Rizzo Andrea, revocando l’ingiunzione di pagamento

0

Monreale – Il Comune di Monreale ha ottenuto un’altra importante vittoria processuale contro BFF Bank, che si era vista riconoscere con decreto ingiuntivo un credito di oltre 30mila euro nei confronti dell’ente locale normanno. Con sentenza n.1225 del 27 febbraio 2024, il Tribunale di Palermo ha infatti revocato il provvedimento ingiuntivo emesso il 7 novembre 2019.

La vicenda trae origine da una serie di bollette Enel Energia non pagate dal Comune, relative ad un immobile in disuso con utenza disdettata. Il credito era stato poi ceduto dalla società elettrica alla BFF Bank, che aveva ottenuto l’ingiunzione di pagamento nonostante le contestazioni dell’ente.

Inizialmente il Comune aveva affidato la difesa all’avvocato Giacomo Di Misa, che aveva presentato un’offerta migliorativa della metà rispetto ai minimi tabellari. In seguito alla rinuncia dell’incarico da parte del legale, l’ente aveva selezionato tra cinque professionisti la nuova difesa, affidata all’avvocato Daniela Zanca. Quest’ultima ha seguito tutto il procedimento fino alla fase decisoria, quando è subentrata per incarico diretto l’avvocato Andrea Rizzo, esperto nella materia.

Il Tribunale ha accolto le argomentazioni della difesa, revocando l’ingiunzione di pagamento. In primo luogo, non è stata riconosciuta l’esistenza del credito ceduto da Enel Energia alla banca. Inoltre, è stata negata la legittimazione attiva della BFF Bank, non avendo il Comune aderito alla cessione.

Nel merito, il Giudice ha osservato che in presenza di contestazioni sulla fondatezza del credito, come nel caso di specie, l’onere della prova spetta al creditore, che deve dimostrare l’effettivo consumo registrato dal contatore ed il corretto funzionamento di quest’ultimo. Prove che nel caso di specie non sono state fornite.

La sentenza condanna quindi la banca al pagamento delle spese processuali in favore del Comune, liquidate in 2.540 euro.

Soddisfazione esprime l’avvocato Rizzo Andrea che, anche quale cittadino monrealese, ringrazia i due colleghi per la preziosa attività e, quale professionista, si compiace per il contributo offerto alla formazione di un solido orientamento giurisprudenziale avverso pretese non a caso azionate da soggetti diversi dagli originali asseriti creditori, non tralasciando l’importanza (vigorosamente rappresentata all’Amministrazione) dell’equo compenso nell’assistenza ai c.d. contraenti forti (come dimostrato dallo scarso riscontro alle pregresse richieste di prestazioni professionali da parte del Comune).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.