Zabbìa, l’opposizione si compatta. Cambiamo Monreale: “È giusto che chi ha sbagliato paghi”

0

Monreale, 14 aprile – È di ieri la notizia, arrivata come un fulmina a ciel sereno, della richiesta da parte del ministero dell’Economia al comune di Monreale della somma di 600.000 euro. A tanto ammonta la sanzione inflitta dalla Corte di Giustizia Europea per quanto riguarda la mancata bonifica della tanto discussa discarica di Zabbìa. Entro 90 giorni l’amministrazione dovrà sborsare tale cifra ma a pagarne le spese saranno le tasche dei monrealesi.

Sulla questione interviene il gruppo consiliare di Cambiamo Monreale, schierata all’opposizione, che commenta la notizia sulla condanna pecuniaria di 600 mila euro a carico del comune. “La notizia ci lascia amareggiati ma per niente affatto sorpresi – afferma la nota di Cambiamo Monreale –  Da tempo ormai e a più riprese, tanto in Consiglio comunale quanto attraverso gli organi di stampa, il gruppo Cambiamo Monreale lancia moniti a questa amministrazione sull’impellente necessità di bonificare l’area Zabbìa così come imposto dalla Comunità Europea”.

Sono dure le parole nei confronti dell’amministrazione definita “da sempre sorda, arrogante e parolaia, che ha snobbato ogni raccomandazione”. “Più preoccupata per le messe in posa alle inaugurazioni di ogni genere e delle beghe interne per la spartizione di un potere effimero fatto di interessi bassi e piccoli che per i veri problemi e della città e dei cittadini, indifferente ad una Monreale in ginocchio, una città disperata, ridotta a maceria da dopo guerra, sta oggi rischiando di portare alla dichiarazione di dissesto il comune con conseguenze ancora peggiori per tutta la comunità”.

Secondo Cambiamo Monreale le osservazioni della Corte dei Conti sul non aver risolto alcuna criticità sembravano già un preavviso allarmante “Ma, se aggiungiamo un aggravamento delle stesse, cosa ci dobbiamo aspettare a stretto giro di posta?”.

Il gruppo nel quale militano i consiglieri Antonella Giuliano e Giuseppe Guzzo non ritiene corretto, né sembra accettare che dell’inerzia dell’amministrazione “colpevole e cosciente” siano i cittadini a doverne pagare le amare conseguenze. “È giusto – affermano – che chi ha sbagliato paghi”.

“Siamo pienamente d’accordo con quanto affermato dal collega consigliere Costantini, nel senso che sposiamo il concetto che chi ha avuto la fiducia dei cittadini e al contempo la responsabilità della suddetta sanzione paghi per la propria negligenza”.

Cambiamo Monreale inviterà il Sindaco a riferire in consiglio e a spiegare se la sua maggioranza intende accelerare, conclude la nota, “l’agonia della nostra cittadina o se, finalmente intendono assumersi la responsabilità di governare con quei criteri indispensabili per risollevare le sorti cittadine, rispettando il mandato conferitogli e mostrando quel minimo di orgoglio e dignità che ogni essere umano dovrebbe mostrare”.

 

Rispondi