Terminate le 3 Notti Bianche monrealesi: “Faremo di Monreale un salotto” /FOTO

0

Monreale, 11 settembre – Ieri sera a Monreale è andato in scena l’ultimo appuntamento di Notturnia 2016, il calendario di manifestazioni organizzato dall’associazione dei commercianti della città. Dare voti e giudizi, riteniamo, sarebbe prematuro per una manifestazione giovane solo alla sua prima edizione. Notturnia è stata una scommessa fatta dagli organizzatori che tenacemente hanno messo insieme, a proprie spese, un cartellone di eventi con la speranza di dare una spinta alla vita notturna monrealese anche nel periodo estivo. A darne il responso è stata la presenza dei monrealesi durante le tre serate.

E così già in tarda notte è giunta in redazione la nota del presidente dell’associazione dei commercianti monrealesi Filippo Tusa, soddisfatto per la riuscita delle notti bianche nonostante Notturnia rappresenta la prima esperienza organizzativa e nonostante gli errori commessi ma che, promette, non saranno più commessi.

“Dalle voci che ci arrivano da diversi colleghi – dichiara Filippo Tusa – è stata una bella esperienza che noi continueremo a portare avanti anche nei mesi invernali. Proprio per questo si sta istituendo un protocollo d’intesa con l’associazione Cassaro Alto, in quanto riteniamo di collegare sempre più Palermo a Monreale”.

Tusa è al settimo cielo per aver riportato l’opera dei Pupi a Monreale, che – dice – “ha avuto un grande successo”, “tanti musicisti che si sono esibiti in tutte e tre le serate, perché secondo noi dobbiamo partire dalla cultura che è il più grosso patrimonio che ha questo Paese”.

La chiusura di Piazza Vittorio Emanuele e di Piazza Guglielmo secondo Tusa ha ricoperto un ruolo fondamentale ed è stata una scelta apprezzata dai cittadini i quali hanno potuto usufruire anche del parcheggio e del servizio navetta: “L’idea è di rendere il paese un salotto”.

Tusa ringrazia nella sua nota i colleghi commercianti che tanto si sono spesi per l’organizzazione di Notturnia, il direttore artistico Mario Micalizzi, il direttore musicale Davide Matera, il fotografo Giuseppe Giurintano, l’opera dei pupi curata da Benedetto Rossi, l’Arcidiocesi di Monreale nella persona di Monsignor Pennisi e nella persona di Don Nicola Gaglio che – afferma – “soprattutto nell’ultima sera ci ha onorato della sua presenza per la guida del Duomo”. Il presidente Tusa dà il suo grazie anche alle forze dell’ordine, al primo cittadino Piero Capizzi e all’assessore Ignazio Zuccaro, nonchè agli uffici comunali ed ai quotidiani locali.

Rispondi