Racconti di strade di confine, via SM22 strada pericolosa

Costantini: «È arrivato il momento che l’amministrazione prenda dei seri provvedimenti al fine di evitare spiacevoli incidenti»

0

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”127″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_imagebrowser” ajax_pagination=”0″ template=”default” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

Monreale, 4 settembre 2017 – Sono strade di confine, strade che sembrano non appartenere a nessuno. Sono vie che, per la loro posizione geografica ed amministrativa, sembrano molto spesso trovarsi in un limbo. Sembrano talvolta essere terra di nessuno. Come avviene per via SM22, una lunga strada che dalla Strada Provinciale 57 arriva sino a Boccadifalco, frazione di Palermo, attraversando Piano Geli, borgata monrealese. La via SM22 è una strada intercomunale senza identità proprio come il nome che porta, solo nel suo ultimo tratto, quello palermitano, prende il nome di via San Martino.

A segnalare la situazione di profondo degrado della via è Roberto Vittoria, uno dei membri del Comitato che sta per costituirsi a San Martino delle Scale, Il neonato gruppo si prefigge lo scopo di dare nuova vita alla frazione, di organizzare iniziative e di sensibilizzare i residenti al rispetto dell’ambiente, delle regole e del viver civile. Al tour partecipa anche il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Fabio Costantini. 

Roberto Vittoria ci mostra i punti più pericolosi di questa strada che appare stretta e tortuosa. E’ un’arteria è molto trafficata dai numerosi residenti della borgata di Piano Geli. Ecco che nei pressi di una curva l’asfalto viene sollevato e squarciato dalle numerose radici degli alberi che costeggiano la strada. In questo tratto le automobili sono costrette ad invadere pericolosamente la corsia opposta per evitare i dossi. «Questo – ci racconta Roberto Vittoria – è uno dei tratti più pericolosi della via SM22, molto spesso si rischiano incidenti frontali per la presenza di questi dossi». Proseguendo verso Palermo, subito prima che la strada cambi nome in via San Martino, si erge un muro divisorio diruto. «Ecco cosa rischiano giornalmente motociclisti e automobilisti, non oso immaginare cosa potrebbe succedere in caso di incidente», ci dice Roberto Vittoria, mostrandoci alcuni tondini di ferro che fuoriescono pericolosamente dal muro. 

«La situazione della via SM22 è sicuramente da prendere in seria considerazione – ci dice il consigliere Fabio Costantini – La strada è molto trafficata in qualsiasi ora del giorno. È arrivato il momento che l’amministrazione prenda dei seri provvedimenti al fine di evitare spiacevoli incidenti e ulteriori richieste di risarcimento danni dovuti al cattivo stato del manto stradale».

Rispondi