Monreale, i compattatori entrano a Bellolampo. Resta il nodo della discarica al collasso

0

Monreale, 20 dicembre 2017 – Cancelli aperti per gli autocompattatori della ditta Mirto a Bellolampo e sembra che l’emergenza rifiuti, almeno per questa volta, possa essere scongiurata. I mezzi, rimasti carichi di rifiuti aldilà dei cancelli della discarica palermitana, hanno avuto il via libera dopo le febbrili trattative della giornata di ieri. L’assessore regionale all’Energia, Vincenzo Figuccia, nel pomeriggio aveva convocato un vertice d’urgenza per trovare una soluzione immediata. Gli amministratori dei comuni interessati dallo stop avevano annunciato battaglia in seguito all’ennesimo blackout del sistema rifiuti e in particolare il sindaco di Bagheria Patrizio Cinque ha denunciato di portare tutte le carte in procura per trovare il responsabile di una potenziale interruzione di pubblico servizio.

E l’unica strada percorribile è quella di far trattare i rifiuti dei comuni della provincia sempre a Bellolampo, nell’impianto privato della Ecoambiente. Una volta trattati, una parte dei rifiuti dovrà essere rimessa sui compattatori e portato in un’altra discarica a Misterbianco. La Regione ha infatti chiesto l’aiuto di Oikos Ambiente, che gestisce l’impianto contestato perché ad appena un chilometro dal comune in provincia di Catania. Il ministero dell’Ambiente ha sollecitato il governo Musumeci a presentare subito un avviso per l’invio anche all’estero.

A Monreale la situazione sta tornando alla normalità. I quattro autocompattatori rimasti fermi a Bellolampo dovrebbero far ritorno, intanto i tre rimasti fermi in piazzale Florio stanno raccogliendo i rifiuti presenti nei punti di raccolta delle periferie ormai traboccanti. Meno complessa è la situazione all’interno del centro cittadino. Grazie alla raccolta differenziata la percentuale di rifiuti indifferenziati presenti per le strade è minore.

Rispondi