Pioppo, la delegazione senza anagrafe e stato civile. Lo Coco interroga il sindaco

0

Monreale, 25 maggio 2018 – I servizi di anagrafe e stato civile non vengono ancora garantiti presso la delegazione municipale di Pioppo. Da oltre un anno, in seguito al trasferimento di personale, i pioppesi devono recarsi a Monreale per usufruire dell’ufficio. Sulla questione il capogruppo del gruppo consiliare Liberi per Monreale Pippo Lo Coco ha presentato un’interrogazione consiliare indirizzata al sindaco Piero Capizzi. Il consigliere ha chiesto l’impegno della giunta municipale al fine di garantire la funzionalità dei servizi presso la delegazione municipale della frazione di Pioppo.

«Da circa un anno, da quando è stato trasferito ad altri servizi il dipendente Di Maria – afferma Lo Coco -, i cittadini della frazione sono costretti a recarsi presso gli uffici centrali di Monreale». Il 20 gennaio 2017 il consigliere Lo Coco aveva presentato un’altra interrogazione consiliare sullo stesso tema ma «l’amministrazione Capizzi – afferma – continua a disattendere le aspettative dei residenti di Pioppo creando un disservizio a oltre 6 mila persone».

Lo Coco ha quindi chiesto al sindaco delucidazioni al sindaco circa le modalità e le tempistiche in cui ha ottemperato alla formazione del personale rispetto alla circolare del ministero degli Interni n.15 del 9 luglio 2009 che permetterebbe di assicurare i dipendenti, che abbiano ricevuto un’idonea formazione propedeutica e indispensabile, per l’esercizio delle funzioni connesse alla gestione dei servizi di anagrafe e stato civile. Il capogruppo di Liberi per Monreale ha infine chiesto in che tempi e modi il sindaco intende onorare ai cittadini la garanzia del ripristino di servizi a Pioppo.

Rispondi