Maxi incendio tra Monreale e Altofonte, paura e distruzione

Le dimensioni del rogo stanno assumendo proporzioni spaventose a causa del forte vento di scirocco che soffia sul versante. Le fiamme si stanno dirigendo verso il centro urbano

0

Un maxi incendio si è sviluppato alle 22 di questa notte tra i territori di Monreale e Altofonte. Le fiamme sono partite da più punti e stanno distruggendo ettari di bosco. Ad andare quasi del tutto in fumo è il bosco della Moarda, un grande polmone verde che si sviluppa sopra l’abitato di Altofonte.

Le dimensioni del rogo stanno assumendo proporzioni spaventose a causa del forte vento di scirocco che soffia sul versante. Le fiamme si stanno dirigendo verso il centro urbano tanto che il sindaco Angela De Luca, ha ordinato lo sgombero di tutte le abitazioni della parte alta del paese. La prima cittadina ha invitato tutti a recarsi a Piano Maglio in attesa di ulteriori sviluppi.

Ma la situazione è critica ad Altofonte dove stanno giungendo squadre antincendio provenienti da tutta la provincia di Palermo e da Enna. Sul posto le squadre dei Vigili del fuoco, il Corpo Forestale della Regione Siciliana, la Protezione civile. Tantissimi uomini e mezzi stanno lottando per arginare le fiamme che però, vista l’entità dell’incendio e la zona impervia, avrà la meglio per tutta la notte in attesa dell’arrivo dei Canadair all’alba di domani mattina.

Il rogo comunque è di chiara origine dolosa. Diversi testimoni hanno riferito sui social di aver visto partire le fiamme da più di cinque punti di fuoco. L’intento era quello di distruggere il decennale bosco della Moarda che adesso è un vero e proprio inferno di fiamme.
Scene di panico si stanno registrando tra la popolazione che fogge dalle case mentre le fiamme si avvicinano pericolosamente. Diversi boati sono stati uditi, forse a scoppiare sono stati alcuni recipienti di metano.

Alcuni residenti riferiscono a Monreale Today che un’automobile è stata inghiottita dalla fiamme e che diverse abitazioni sono state danneggiate dall’incendio. Una prima stima dei danni però potrà essere stilata domattina.

Ad Altofonte c’è anche il sindaco di Monreale, Alberto Arcidiacono. “In questo momento siamo riuniti nella sala operativa della protezione civile di Altofonte per programmare gli interventi di controllo e gestione del fuoco,in mattinata dovranno intervenire i canadair. Un patrimonio distrutto.
Monreale al fianco di Altofonte”.

Rispondi