MonrealeLive.it
Giornale Online di Monreale

«Pericolo incolumità su SP131 e SP20», La Corte scrive a Prefetto ed ex Provincia

Denunciata la presenza di due strade gravemente dissestate con conseguente grave pericolo per chi le attraversa

Strade provinciali dissestate, tanto per usare un eufemismo quando bisogna farsi il segno della croce per attraversarle, soprattutto nelle giornate piovose.

Si tratta di strade che non appartengono a nessuno se non alla ex provincia. A Monreale particolarmente preoccupante è la situazione delle SP131 e SP20. Asfalto dissestato; frane; fondo stradale sdrucciolevole e scivoloso a causa di materiale viscido e pietrisco, cunette non segnalate, cunette piene di erbacce e detriti, muri divelti tra le criticità riscontrate. Ora parte anche la denuncia.

È il consigliere comunale monrealese, Giuseppe La Corte (Lega) che ha preso carta e penna e ha scritto al Dirigente viabilità della Provincia di Palermo e al Prefetto di Palermo. Per conoscenza anche al sindaco del Comune di Monreale, e al Comando di Polizia Municipale di Monreale.

In qualità di residente e di Consigliere Comunale del comune di Monreale, La Corte denuncia la presenza di due strade gravemente dissestate con conseguente grave pericolo per l’incolumità pubblica. “Le strade interessate sono denominate SP131 e SP20 -. Tale situazione mette in grave pericolo la circolazione soprattutto di chi utilizza le due ruote per i propri spostamenti, oltre che ovviamente l’incolumità di automobilisti e pedoni che di lì transitano”.

La Corte invita quindi i destinatari, nell’ambito delle proprie competenze e responsabilità, “a porre in essere ogni provvedimento volto a ripristinare la sicurezza stradale, ricordando che, in caso d’incidente con morti e/o feriti a causa di detta insidia, invierà denuncia alla Autorità Giudiziaria chiedendo di accertare l’esistenza obiettiva di pericolo o d’insidie della strada, dovuti a condotta colposa omissiva o commissiva dell’ente proprietario e l’eventuale nesso di causalità tra tale condotta e danni subiti dagli utenti”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.