MonrealeLive.it
Giornale Online di Monreale

Rivoluzione a Monreale, immobili tolti alla mafia anche ai senza casa

Roberto Gambino (portavoce del Mosaico): “Pur non essendo forza di maggioranza, il nostro Movimento continua a dare un contributo costruttivo alla nostra città”

Il consiglio comunale ha approvato il regolamento per la destinazione e l’utilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata.

Il regolamento, promosso dal gruppo consiliare Il Mosaico, è passato all’esame della prima commissione che ha reso parere favorevole dopo avere apportato qualche modifica migliorativa e, previa approvazione di alcuni emendamenti, e’ stato votato favorevolmente, all’unanimità, di tutti i Consiglieri Comunali.

“Oggi il Consiglio ha dotato l’Amministrazione cittadina di uno strumento di sviluppo e di riscatto del territorio. Conformemente a quanto stabilito dalla normativa nazionale, il Comune restituirà alla nostra comunità i beni confiscati alle organizzazioni criminali mafiose, utilizzandoli per finalità istituzionali e sociali, ma non solo”.

Secondo il Mosaico era di fondamentale importanza in questo difficile periodo sopratutto per le fasce più deboli, prevedere espressamente nel regolamento, tra le finalità sociali, il loro reimpiego per fronteggiare l’emergenza abitativa”, come ha dichiarato il consigliere Letizia Sardisco.

“Questo regolamento – ha aggiunto la Sardisco – dimostra come la collaborazione e il confronto tra i gruppi consiliari nell’interesse del paese, a prescindere dall’appartenenza politica, può solo favorire la crescita della nostra comunità”.

Soddisfazione del portavoce del Movimento Il Mosaico, Roberto Gambino che afferma: “Questo Regolamento, e la sua approvazione, è la chiara prova che, pur non essendo forza di maggioranza, si può continuare a dare un contributo costruttivo alla nostra città rimanendo liberi, allo stesso tempo, di esprimerci e di prendere posizione su scelte e questioni che non riteniamo utili per Monreale ed il suo territorio”.

SEGUICI SU FACEBOOK
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.