MonrealeLive.it
Giornale Online di Monreale

Sesso con giovanissime, Pampa e Vicari chiedono rito abbreviato

Il processo inizierà tra qualche settimana davanti al gup Rosario Di Gioia

Inizierà tra qualche settimana il processo per Francesco Pampa e Massimiliano Vicari. Al momento in carcere con l’accusa a vario titolo di aver indotto alla prostituzione e di aver abusato di alcune aspiranti modelle anche minorenni.

Ragazze anche di appena 15 anni, costrette a prostituirsi se volevano avere una chance di avere successo nel mondo dello spettacolo. Ragazze con il sogno di un palcoscenico che per anni si sono fidate di due impresari palermitani e hanno accettato di avere rapporti sessuali con uomini facoltosi. Uomini che i due “agenti”, proprietari di altrettante agenzie per modelle, procuravano loro durante eventi in Sicilia, ma anche in Italia e all’estero.

La procura ha chiesto e ottenuto il rito immediato per i due impresari Francesco Pampa e Massimiliano Vicari, che erano finiti in carcere.

A processo anche un altro indagato. Si tratta di Filippo Giardi, che era stato messo ai domiciliari. I tre hanno poi chiesto il rito abbreviato. Il processo inizierà tra qualche settimana davanti al gup Rosario Di Gioia. Pampa e Vicari si trovano ancora in carcere.

Sono agghiaccianti i racconti contenuti nelle oltre 300 pagine dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal Gip del tribunale di Palermo, che ha portato all’arresto dell’ex dj monrealese Francesco Pampa e attuale titolare dell’agenzia di moda Vanity Models Management. Insieme all’ex collega Massimiliano Vicari, esperto web e pubblicità, avrebbe costruito un sistema con il quale giovani aspiranti, anche minorenni, miss sarebbero state avviate alla prostituzione tra promesse di lavoro, soldi.

SEGUICI SU FACEBOOK
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.