Monreale, 35 anni tra i libri, va in pensione la bibliotecaria Ignazia Ferraro

0

Va in pensione chiudendo in bellezza la carriera Ignazia Ferraro.

Si conclude con un grande progetto scientifico “la catalogazione degli incunaboli del Comune” la carriera della bibliotecaria della dipendente comunale che da oggi va in pensione
 
La dottoressa Ignazia Ferraro è la responsabile della biblioteca storica comunale, che dopo 35 anni di servizio va in pensione dal Comune di Monreale. Proprio nei giorni scorsi ha consegnato il lavoro di catalogazione degli incunaboli della città di Monreale.

“Ho lavorato con estrema passione – ha detto Ignazia Ferraro- mi spiace lasciare questa bellezza straordinaria, l’archivio e la biblioteca sono i nostri beni culturali”. A portare il saluto dell’amministrazione sono intervenuti, il sindaco Alberto Arcidiacono, il segretario generale Francesco Fragale, gli assessori comunali Geppino Pupella, Letizia Sardisco, Rosanna Giannetto, Luigi D’Eliseo e Sandro Russo. Il primo cittadino e gli assessori hanno proposto alla dottoressa Ferraro di continuare nel suo impegno culturale come consulente, alla luce della sua preparazione e competenza.

Nel corso della sua carriera nell’ente la dottoressa Ferraro è stata impegnata anche in altri settori amministrativi, quali: protocollo, solidarietà Sociale, Pubblica Istruzione e tributi. E’ entrata al Comune di Monreale nel 1987 dopo un trasferimento dal Comune di Partinico dove aveva vinto un concorso pubblico ed aveva lavorato all’Ufficio Urbanistica. Dal 2000 ha diretto la storica biblioteca Santa Maria La Nuova, occupandosi di progetti culturali ambiziosi, che hanno messo in luce la preziosa raccolta bibliografica, composta da manoscritti medioevali, incunaboli ed edizioni a stampa.

LEGGI ANCHE:
Trema il Palermitano, scossa di terremoto 4,3

Presenti i colleghi del Complesso Guglielmo che hanno salutato la collega con una sentita lettera rimata, letta da Liliana Caputo che per tanti anni ha lavorato stretto contatto e insieme ai colleghi hanno avuto modo di apprezzarne la serietà professionale e la dedizione al lavoro della bibliotecaria.

SEGUICI SU FACEBOOK
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.