Via M21 nel degrado, lettera al sindaco e petizione dei residenti

0

“Un intervento urgente, quanto risolutorio, per le problematiche relative alla situazione sempre più seria, quanto pericolosa, che si sta venendo a creare in via M21, in Contrada Favara, a Monreale. A scriverlo sono alcuni residenti in una lettera al sindaco di Monreale.

“Tale tratto stradale, a causa dell’abbandono e all’incuria del terreni limitrofi, i quali proprietari si limitano a tenere pulito solo l’interno degli stessi, rifiutando risolutamente, malgrado i tanti solleciti, a liberare la parte che sfocia nella strada, dove la vegetazione, ormai composta da iniziali arbusti divenuti col tempo grossi alberi, le quali radici hanno, addirittura, alzato il manto stradale nel punto dove passa la fognatura, con serio pericolo d’incidenti, e riversando liquami nella strada, (danno risolto provvisoriamente con l’intervento degli operai del comune, che hanno evidenziato la reale entità del problema, richiedendo l’intervento di una squadra della protezione civile, che venuta sul posto ha potuto solo confermare il quanto, dichiarando un intervento imminente, mai avvenuto”.

LEGGI ANCHE:
La guerra di mafia tra Monreale e San Giuseppe Jato e il blitz, condanne in Cassazione

“Anche il sindaco (pur se verbalmente) è stato avvisato dei fatti”, aggiungono i residenti.

In via M21 un altro serio pericolo, è rappresentato anche dalla sterpaglia secca e gli ampi canneti, che hanno raggiunto quasi il centro della strada, e, visto il caldo anomalo di questa estate, è una vera e propria minaccia per eventuali incendi che creerebbero un vero e proprio disastro per le case che lambiscono la zona interessata, con serie conseguenze facilmente immaginabili, sia per le strutture che per i residenti, che temono per la propria incolumità.

LEGGI ANCHE:
Maxi discarica in un cortile di Monreale, "Liberateci dai rifiuti"

“Poniamo la problematica all’attenzione del comune, così come ai vari enti preposti, al fine di scongiurare serie conseguenze al momento evitabili, per garantire l’incolumita dei residenti”.

SEGUICI SU FACEBOOK
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.