Monreale piange “Pirò”, dramma della solitudine

Non aveva moglie e figli, un uomo conosciuto nel campo del volontariato

0

Giovanni Lanza, 53 anni, non aveva né moglie e nemmeno figli. Un altro dramma della solitudine che si consuma a Monreale. Un colpo per i tanti amici e per i tanti colleghi di lavoro che questa mattina sono arrivati in chiasso Militi.

Ex pip, oggi dipendente del Comune di Monreale, Giovanni Lanza è morto da solo in casa. Il suo corpo ormai senza vita è stato rinvenuto questa mattina davanti all’uscio della sua abitazione. A stroncarlo sarebbe stato un grave malore collegato alla patologia di cui soffriva da tempo. Secondo i primi rilievi, sarebbe morto per una grave emorragia intestinale.

La scoperta è stata fatta da alcuni colleghi di lavoro i quali, non vendendolo da venerdì scorso, si sono allarmati. Hanno così deciso di andare a trovarlo visto che non rispondeva nemmeno al telefono. Hanno aperto la persiana che si trova a piano terra del piccolo cortile e hanno trovato Lanza ormai morto.

Sono arrivati i vigili del fuoco, il 118 e i Carabinieri e la Polizia Municipale per i rilievi di rito. Il corpo dell’uomo sarà restituito ai familiari una volta dato il via libera da parte del medico legale.

Un uomo conosciuto nel campo del volontariato visto che spesso collaborava con gli attivisti del gruppo di Basta Crederci come dipendente comunale. Un colpo per i tanti amici che oggi piangono “Pirò”, come era affettuosamente soprannominato.

SEGUICI SU FACEBOOK
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.