Anche a Monreale si attiveranno i percettori del reddito di cittadinanza per eseguire lavori utili alla comunità e all’ente comunale. Si tratta dei Puc, Progetti Utili alla collettività che impegnano i percettori nel comune di residenza per almeno 8 ore settimanali, aumentabili fino a 16.

A Monreale si parte con 36 percettori nell’ambito del progetto Puc “Locali comunali in ordine ed accoglienti”. I percettori del sussidio statale lavoreranno all’interno di alcune sedi comunali. Saranno operativi a partire dal primo aprile e per tre mesi. I 18 percettori sono stati selezionati dal settore Servizi Sociali del Comune di Monreale, gli altri 18 dal Centro dell’impiego, che però a oggi non ha comunicato nulla al Comune come si legge in un documento.

Intanto ieri si è proceduto al sorteggio dell’assegnazione delle sedi comunali ai percettori di RdC che, dal 1° Aprile, per un trimestre, sono stati inseriti nel Progetto.

Oltre a un obbligo, i PUC rappresentano un’occasione d’inclusione e crescita per i beneficiari e per la collettività. Per i beneficiari, perché i progetti saranno strutturati in coerenza con le competenze professionali del beneficiario, con quelle acquisite anche in altri contesti e in base agli interessi e alle propensioni emerse nel corso dei colloqui sostenuti presso il Centro per l’impiego o presso il Servizio sociale del Comune. Per la collettività, perché i PUC dovranno essere individuati a partire dai bisogni e dalle esigenze della comunità locale e dovranno intendersi come complementari, a supporto e integrazione rispetto alle attività ordinariamente svolte dai Comuni e dagli Enti pubblici coinvolti.

Seguici su Facebook
Articolo precedenteGestione del Consorzio Biviere, scatta l’interrogazione all’Ars di Caputo
Articolo successivoNon ha il green pass rafforzato, dipendente comunale monrealese sospesa dal lavoro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui