L’appello del sindaco di Monreale, Alberto Arcidiacono, in seguito alla notizia data da MonrealeLive dell’aggressione a una ragazzina di 12 anni da parte di un branco, ripresa e postata sulle chat di Whatsapp.

“Dopo l’esperienza della pandemia, dopo tutti i timori, i dolori, l’isolamento a ciascuno di noi non è rimasto che sperare che le cose potessero migliorare.. e invece la guerra, i profughi, la crisi economica, la dipendenza energetica… e come se tutto ciò non fosse bastevole il disagio tra i nostri ragazzi.

I nostri figli avrebbero dovuto riaffacciarsi alla vita con entusiasmo, con la voglia di conoscere gli altri, di vivere esperienze nuove … e invece sembrano ingoiati da un’affollata solitudine. Una condizione, più comune di quanto non sembri, che degenera sempre più spesso nella violenza cieca e ottusa che travolge tutti indistintamente.

Una violenza che se rimane taciuta, che se non viene criticata, che se viene banalmente giustificata sarà destinata a crescere. Dedichiamo del tempo ai nostri ragazzi, ascoltiamoli, ma soprattutto insegniamo loro a parlare di ciò che provano, temono e desiderano affinché sia di nuovo la loro voce allegra a riempire l’aria delle nostre città e non le loro grida di rabbia”.

Seguici su Facebook
Articolo precedenteMonreale, ragazzina trascinata per i capelli e ripresa da cellulare, indagini in corso
Articolo successivoMonreale raccontata da disegni e racconti dei celebri viaggiatori, la mostra al Museo Diocesano

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui