contatore free

Botte da orbi durante torneo dilettantistico a Monreale: partita sospesa e sindaco annuncia provvedimenti

Scene tristissime, commentate dagli spettatori con urla "Vergogna, vergogna!" e "Fuori, fuori" provenienti dagli spalti gremiti di spettatori increduli.

0

Monreale – Scene da far west ieri sera durante il Torneo dei Quartieri allo stadio comunale di Monreale. La semifinale tra le squadre San Vito e Pezzingoli è stata sospesa a causa di una violenta rissa scoppiata in campo che ha visto coinvolti calciatori e dirigenti. Tutto sarebbe nato da un contrasto di gioco degenerato in un vero e proprio corpo a corpo, con calci, pugni e spintoni tra alcuni giocatori delle due squadre. Nonostante i tentativi di riportare la calma, la situazione è presto sfuggita di mano, con diversi soggetti seduti in panchina che si sono uniti alla mischia.

Scene tristissime, commentate dagli spettatori con urla “Vergogna, vergogna!” e “Fuori, fuori” provenienti dagli spalti gremiti di spettatori increduli.

Immediata la reazione del Sindaco Alberto Arcidiacono, che ha espresso la più profonda costernazione dell’Amministrazione comunale per l’accaduto. “Ogni forma di relazione sociale impone l’adozione di un comportamento leale e rispettoso del prossimo – ha dichiarato – Purtroppo durante le competizioni sportive questo dovere viene troppo spesso dimenticato”. Dello stesso avviso l’assessore allo Sport Letizia Sardisco, che ha condannato senza mezzi termini gli atti di violenza, definendo lo spettacolo della scorsa notte indegno dello spirito sportivo. L’Amministrazione si augura che quanto accaduto possa essere un monito per recuperare quei valori di rispetto e correttezza che devono essere alla base di ogni competizione.

Nel frattempo è stata convocata una riunione urgente tra Comune – che patrocinava l’evento -, l’associazione del Torneo e il Collegio arbitrale per stabilire eventuali sanzioni e provvedimenti, oltre a fare chiarezza sulle responsabilità.

Gli organizzatori, in una nota, hanno espresso rammarico e chiesto scusa a tutti i presenti per l’accaduto, episodio in netto contrasto con lo spirito del torneo, nato per promuovere inclusione e socialità attraverso lo sport. Si attendono ora le decisioni ufficiali per capire le sorti del torneo, se verrà portato a termine o definitivamente sospeso.

Quello di ieri purtroppo non è un caso isolato, ma l’ultimo di una serie di episodi di violenza che spesso macchiano il calcio dilettantistico. Lo sport deve recuperare la sua dimensione ludica di condivisione e lealtà, bandendo la mentalità da “vincere a tutti i costi”. Sta ora agli organizzatori isolare questi comportamenti incivili, per tutelare quei valori positivi che lo sport, a tutti i livelli, dovrebbe sempre promuovere e diffondere. Quanto accaduto ieri a Monreale deve essere un campanello d’allarme, uno spunto di riflessione per cambiare rotta e far sì che competizioni come il Torneo dei Quartieri possano svolgersi in futuro all’insegna del fair play.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.