contatore free

Monreale, il Movimento Il Mosaico rilancia il “progetto civico” di Arcidiacono

MONREALE - A pochi mesi dalle elezioni comunali, il Movimento Il Mosaico fa il punto sui risultati raggiunti dall'Amministrazione Arcidiacono a Monreale e rilancia il sostegno al Sindaco uscente

0

A pochi mesi dal voto che porterà al rinnovo del Consiglio Comunale e all’elezione del Sindaco di Monreale, il Movimento Il Mosaico è impegnato nel confronto con le componenti di maggioranza che sostengono l’attuale Amministrazione Arcidiacono nella verifica dello stato di attuazione del programma amministrativo a suo tempo presentato e nel rilancio dello stesso nella prossimo quinquennio.

“Tanti i punti programmatici realizzati o in via di realizzazione:”, sottolinea il portavoce del Mosaico, Roberto Gambino: “ristrutturazione dei quartieri Carmine e Ciambra, interventi per la cultura lo sport e la socialità a Monreale centro e nelle frazioni, successo nello sviluppo di progettualità partecipando a bandi nazionali ed europei e infine, ma questione fondamentale, il risanamento finanziario del Comune e la fuoriuscita dalle secche del dissesto finanziario. Grazie a questo risultato, nella prossima consiliatura, si potrà ripartire nella riorganizzazione del Comune e nel potenziamento del suo organico affrontando quelle criticità, di cui siamo consapevoli e su cui è diretto l’impegno amministrativo, e liberando il potenziale che il nostro patrimonio culturale e territoriale è in grado di esprimere.”

Conclude Gambino: “Come abbiamo più volte sottolineato, il nostro Movimento sarà ancora a fianco di Alberto Arcidiacono e del suo Progetto Civico, la cui formula politica – legata all’impegno nel contesto territoriale – si è dimostrata vincente e produttiva. In tal senso, pur riconoscendo il valore delle esperienze politiche partitiche, facciamo appello a tutte le componenti originarie che hanno dato vita a questa esperienza per salvaguardare lo spirito civico, valore fondante del percorso costruttivo dell’Amministrazione guidata da Alberto Arcidiacono”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.