Passa il Giro d’Italia a Monreale e si sistemano le strade

Il primo intervento in via Cappuccini mercoledì mattina, poi le altre strade

0

Il Giro d’Italia porta buone notizie anche per quanto riguarda la viabilità di Monreale. Le vie percorse dalla carovana rosa, infatti, saranno sottoposte al alcuni interventi di miglioramento del manto stradale al fine di permettere ai ciclisti di correre in tutta sicurezza. E i monrealesi ringraziano.

Dalla mattina di mercoledì inizieranno i primi lavori per la messa in sicurezza che partiranno della via Cappuccini, arteria inserita nel percorso della tappa del Giro D’Italia che il 3 ottobre partirà da Monreale. La notizia è stata data dal sindaco Alberto Arcidiacono e dall’assessore ai servizi a rete Geppino Pupella.

“Si tratta di un primo intervento di manutenzione e messa in sicurezza  della strada – dicono Arcidiacono e Pupella –  in quanto l’intera riqualificazione di via Cappuccini-via Arcivescovado è già prevista nel progetto di riqualificazione del Quartiere “Ciambra” che ha già ottenuto un finanziamento di 1 milione 800 mila euro dal Governo Musumeci il cui iter progettuale è in fase di definizione. Nel prossimo intervento di riqualificazione generale verrà ripristinato il pavé originale della storica via che si trova sotto complesso abbaziale”.

I lavori coinvolgeranno altre strade monrealesi dopo che la Regione Siciliana ha disposto un finanziamento di 528 che è stato destinato per rifare tutte le strade di Monreale inserite nel percorso
della prima tappa del Giro d’Italia che il 3 ottobre prossimo partirà da Monreale. Lo conferma Arcidiacono, che ha ringraziato il presidente della Regione Nello Musumeci per aver accolto non soltanto la sistemazione integrale del percorso ciclistico ma anche per aver accolto due progetti di rifacimento della Circonvallazione e di via Palermo, avviati dall’ufficio di programmazione progettuale. Intanto già da questa mattina ê stato effettuato un sopralluogo con i tecnici comunali , al fine di accelerare i tempi per la consegna dei lavori alle ditte che dovranno realizzare le opere.

Rispondi