contatore free

Prevenzione della violenza di genere: “Un impegno culturale e sociale”

0

La violenza di genere non è un’emergenza temporanea, ma un fenomeno sociale profondamente radicato. Questo è il messaggio portato avanti da Cinzia Leone, già senatrice e vicepresidente della Commissione d’inchiesta sul femminicidio. La Leone sostiene che nel mondo contemporaneo, la prevenzione è più efficace dell’affrontare le situazioni di emergenza.

La chiave per questa prevenzione, sostiene Leone, è la cultura. Dietro ogni atto di violenza fisica, psicologica o sessuale contro le donne, si nasconde un tessuto sociale oscuro. Questo include discriminazione, violazione della dignità femminile e una mancanza effettiva di parità tra i sessi.

Cinzia Leone afferma che la cultura del mercato attuale è in contrasto con la memoria, e suggerisce di affrontare la violenza di genere attraverso l’educazione e la pedagogia. Il focus dovrebbe essere posto sull’identità e sul ruolo, esaminando la presenza di stereotipi nelle scelte individuali. Inoltre, promuove l’idea di implementare l’educazione emozionale nelle scuole, coinvolgendo i genitori in questo processo.

La violenza di genere, secondo la ex senatrice Leone, è prima di tutto una questione culturale e sociale. Attraversa tutti gli strati sociali e ha radici nella persistente asimmetria del potere e nei rapporti tra donne e uomini “che ha profonde radici storiche, ma che continua ad essere riprodotta e rinforzata, in particolare attraverso l’uso scorretto dei social”.

La Leone fa riferimento anche all’ultimo caso di stupro nel Monrealese. “Tornando all’ennesimo caso di stupro su Monreale mi riporta allo studio dell’inchiesta fatta in commissione femminicidio in cui il 10,7% riguarda la violenza che deriva dalla disfunzionalità genitoriali. Non è una percentuale bassa, merita un’attenta riflessione è senso di responsabilità di tutti gli attori coinvolti a prevenire queste atrocità”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.