contatore free

La scuola ricorda Mattia Terranova, il bimbo che lottava contro il cancro con il sorriso

La frase incisa sulla lastra di marmo “L’amore dei giovani non sta nel cuore ma negli occhi” racchiude lo spirito di Mattia

0

Monreale – Una commovente cerimonia in ricordo di Mattia Terranova, il bambino scomparso prematuramente otto anni fa a causa di un tumore, si è svolta stamattina nell’atrio antistante la scuola “Margherita Di Navarra” di Pioppo. Qui, alle 11, è stata scoperta una toccante targa in memoria del giovane Mattia, alla presenza dei suoi genitori, delle autorità locali e di tutta la comunità scolastica che lo ha conosciuto e amato.

Ad aprire la manifestazione è stata la dirigente scolastica Patrizia Roccamatisi, che ha ringraziato i presenti e l’intera comunità di Pioppo per essersi stretta intorno alla famiglia di Mattia in questi anni difficili. Con commozione, ha ricordato la solarità e la forza d’animo del bambino, che nonostante la malattia riusciva a trasmettere serenità e allegria a tutti coloro che lo circondavano.

Sono seguiti gli interventi del sindaco Alberto Arcidiacono, che ha sottolineato l’importanza del ricordo e quanto Mattia sia stato un esempio per i suoi coetanei; del dottor Toti Gullo, che lo ha seguito fin da piccolo; del maresciallo Antonio Rubino; degli insegnanti, in particolare la maestra Mondello, che hanno rievocato la gioia di vivere di questo “piccolo guerriero”.

Particolarmente toccante è stata l’esibizione musicale degli alunni della 3B, che hanno suonato al pianoforte e alla tromba alcuni brani in onore del loro compagno. Infine, al termine degli interventi, è stato il parroco Don Nicola Di Lorenzo a benedire la targa commemorativa, realizzata da Piero Faraci e voluta dal comune di Monreale e da Claudio Burgio, e a inaugurarla ufficialmente.

La frase incisa sulla lastra di marmo “L’amore dei giovani non sta nel cuore ma negli occhi” racchiude lo spirito di Mattia e sarà un monito per le future generazioni di studenti. Una manifestazione semplice ma ricca di emozione, che ha unito ancora una volta la comunità nel ricordo del sorriso e della forza di questo sfortunato bambino.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.